lavorare con i droni

Lavorare con i droni

Lavorare con i droni è l’obiettivo di molte persone che amano la tecnologia e questi velivoli totalmente innovativi. In questa guida illustreremo che lavorare con i droni non è più solo una passione, ma è possibile iniziare a guadagnare diventando un dronista.

Cosa fa il pilota

Il pilota di droni non è altro che la figura professionale che sa guidare questo strumento da lontano. Abbiamo detto che è una figura professionale perché per avere le competenze necessarie per svolgere questo lavoro è fondamentale aver conseguito un corso di formazione.
Solitamente, la maggior parte dei dronisti non lavora in autonomia ma per un’azienda o un ente. Coloro che invece hanno deciso di lavorare da soli necessitano di pazienza e impegno, perché è un lavoro molto difficile e richiede tempo.

I corsi di formazione

Per quanto riguarda la formazione di un pilota di droni, questa comprende un modulo teorico e uno pratico; al termine del corso devono essere superati degli esami in modo da avere l’abilitazione, sotto-forma di licenza oppure attestato.

Cosa serve

Lavorare con i droni, soprattutto in maniera indipendente, richiede un budget abbastanza elevato. Infatti, è necessario mettere in conto diversi acquisti, ovvero:

  • il drone: il prezzo per i droni professionali varia in base alla tipologia, e nei modelli più cari si arriva anche oltre alle migliaia di euro. Inoltre, è meglio tenere a mente anche le parti di ricambio come le eliche. Qui è possibile trovare una selezione di droni professionali.
  • il corso di formazione: anche questo ha un costo ed è fondamentale che l’attestato o il patentino per drone siano rilasciati da scuole o centri autorizzati;
  • le autorizzazione da domandare all’ENAC: questo passaggio è necessario per svolgere i lavori e le operazioni difficoltose in totale sicurezza;
  • l’assicurazione: anche questa ha un costo elevato ed è obbligatoria.

In cosa consiste

Di seguito abbiamo riportato tre tipi di attività che possono essere svolte da un pilota di droni.

1) Video e fotografie in volo

Probabilmente è il tipo di operazione più conosciuta da chi pratica un lavoro con i droni. L’obiettivo è quello di scattare foto o fare video ad altezze elevate per avere immagini magnifiche e di alta qualità. Chi svolge queste operazioni ha generalmente anche un secondo lavoro, ovvero fotografi, cameramen e filmmaker.

2) Video e fotografie sott’acqua

I piloti di droni, molto spesso, sono specializzati anche per saper guidare questi strumenti sott’acqua, che scattano foto e realizzano video nei mari e nei laghi.

3) Ispezioni di luoghi ed edifici

Talvolta, i dronisti lavorano per la Protezione Civili o i Vigili del Fuoco, dove l’impiego dei droni è sempre più in crescita. L’obiettivo è quello di ispezionare gli edifici in modo dettagliato, per riuscire a trovare eventuali danni o punti critici.

Le altre professioni

Gli appassionati dei droni non si limitano solo a fare i piloti, ma sono tante le professioni che possono essere svolte in questo campo. Tra di queste abbiamo:

  • ingegneri che garantiscono il funzionamento corretto del drone dal punto di vista digitale;
  • tecnici che garantiscono il funzionamento corretto del drone dal punto di vista meccanico;
  • esperti che insegnino ad altre persone il mestiere del pilota professionista.

Il guadagno

Per quanto riguarda il guadagno dei piloti di droni, a cavarsela meglio sono sicuramente coloro che lavorano per un ente o un’azienda, che non sempre lavorano in maniera costante.
In generale, il 65% dei piloti professionisti guadagna circa 5.000 euro all’anno. Solo una piccola minoranza riesce ad avere un guadagno molto elevato, che si aggira tra i 20 e i 50mila euro all’anno, ma alcuni arrivano anche a 100mila.